I 10 luoghi più freschi d’Irpinia

da | 24 Giu, 2024 | Natura | 0 commenti


In questi giorni di caldo estremo, dove persino il ventaglio sembra aver perso il proprio potere salvifico, la ricerca disperata per qualche zona fresca imperversa sia in città che in paese. C’è chi prova a rinfrescarsi con bevande ghiacciate, chi mangiando un gelato già mezzo squagliato, o qualcuno più fortunato che riesce a immergere i piedi in qualche piscinetta gonfiabile. Per chi ci segue invece, una soluzione proviamo ad offrirla noi! Ti indichiamo i 10 luoghi più freschi d’Irpinia, immersi nelle nostre verdi montagne, capaci nel giro di breve tempo, di donare una bellissima sensazione di refrigerio. Scopriamoli insieme!

1. L’Altopiano del Laceno
Situato a circa 1100 metri di altitudine, l’altopiano del Laceno è in grado di offrire un clima piacevole anche nelle giornate più calde. I suoi boschi di faggi e abeti forniscono, infatti, un’ombra e una tranquillità perfetta per riposarsi o per fare un pic-nic. Da non perdere, inoltre, anche le famose grotte del Caliendo, con temperature naturalmente basse.

2.Caposele
Caposele è conosciuta soprattutto per le sue sorgenti fresche, che con questo caldo, possono davvero divenire un prezioso alleato. Il Parco del Sele, dove nasce l’omonimo fiume, è ideale per godere di una piccola sosta dal caldo asfissiante. Inoltre, il Santuario di San Gerardo, immerso nel verde, e poco distante dal parco, può arricchire la sosta, offrendo un rifugio anche profondamente spirituale.

3.Frigento
Nel continuare questa lunga scoperta, non si può non citare Frigento, comune che rappresenta un ulteriore luogo perfetto per sfuggire al caldo estivo, grazie alla presenza delle famose Cisterne Romane, un complesso idrico del periodo romano (I secolo a.C.) costruito con l’obiettivo di raccogliere l’acqua piovana. L’accesso a quest’ultime è situato in Via San Giovanni, ed è collocato nel punto più alto del territorio comunale frigentino, a 911 metri sul livello del mare.

4.Montevergine e Acqua Fidia
Il Santuario di Montevergine è di certo una delle mete più ambite e trafficate durante il periodo estivo, essendo completamente immerso nella natura. Non molto distante vi è la freschissima sorgente di Acqua Fidia, la quale prende il nome da un leggendario tempio dedicato alla dea Fidia. L’area circostante la sorgente è coperta anch’essa da alberi di alto fusto garantendo così lo svolgimento di scampagnate estive molto piacevoli.

5.Senerchia e l’Oasi WWF
Un altro luogo imperdibile è l’Oasi Valle della Caccia di Senerchia, in grado di offrire un’esperienza sensoriale senza precedenti. Il percorso naturalistico, risale dolcemente lungo le rive del torrente Acquabianca, tra lunghi sentieri ombreggianti e ponticelli in legno, attraverso uno splendido bosco di faggi, querce e betulle. L’incanto crescerà sempre di più fino quando non si arriverà alla meta finale dell’escursione, una bellissima cascata dove ti consigliamo di tuffarti! Per un’esperienza ancora più rigenerante, ti consigliamo di bere alla sorgente.

6.Le cascate di Montella e la Montagna di Verteglia
Le cascate di Montella rappresentano una valida alternativa al mare, per trascorrere una calda giornata estiva, a contatto con la natura in un clima fresco e piacevole. Vi è la cascata del Fascio, realizzata in epoca fascista, ed oggi meta molto ambita specialmente in estate sia per chi vuole fare un tuffo sia per chi vuole fare una passeggiata. Altra cascata è quella della Maronnella, presente nel territorio di pertinenza del bioparco della Fattoria Rosabella, completamente immersa nel verde, e molto frequentata, perché attraversata dalla meravigliosa acqua di sorgente. Infine vi è l’altopiano di Verteglia, ricoperto da una fitta vegetazione e ricco di fresche fonti d’acqua, rimane una delle mete più apprezzate in estate, specialmente dai forestieri.

7.Quaglietta e il borgo medievale
Per chi non volesse rinunciare invece alla scoperta della nostra terra e della sua storia secolare, la visita al borgo medievale di Quaglietta è l’alternativa vincente. Circondata dal verde, la sua posizione strategica sullo spuntone roccioso su cui si erge al centro della valle, fa sì che nel borgo si possa ritrovare un clima molto piacevole anche durante le giornate più calde, così da poter visitare il leggendario castello in tutta serenità. Per vivere un’esperienza ancora più refrigerante, inoltre, vi consigliamo di pernottare nello storico albergo diffuso, la cui vicinanza alla roccia, contribuisce a rendere l’ambiente delle camere irresistibilmente fresco.

8.Chiusano San Domenico alle pendici del Monte Tuoro
Il territorio è il luogo ideale per escursioni naturalistiche tra castagneti, faggete e sorgenti, perfette per chi non vuole rinunciare ad un po’ di avventura anche durante il periodo più caldo dell’anno. Svetta sul borgo il Monte San Domenico, con la chiesa omonima che domina l’intero paese, dal quale si gode di una vista mozzafiato. Segnaliamo in particolar modo anche l’eremo di Santa Maria della Valle, un luogo suggestivo, silenzioso e immerso completamente nei boschi di castagno, nel quale trovare una forte sensazione di sollievo dalla calura estiva.

9.La Piana del Dragone a Volturara Irpina
Come non citare in questa lista la leggendaria Piana del Dragone, luogo di interesse naturalistico, che ogni anno stupisce con la propria metamorfosi. Al suo interno si nota in particolare un inghiottitoio naturale, la cosiddetta Bocca del Dragone, che è soggetta a diverse storie. Nel periodo estivo è possibile camminare al suo interno, lateralmente al flusso d’acqua, su un marciapiede di cemento. Inoltre, di forte interesse, nel territorio, è la passeggiata naturalistica lungo il percorso che dalla bocca del dragone conduce fino alla Chiusa nei pressi del lago.

10.Sant’Angelo a Scala e il Santuario di San Silvestro
Arroccato su uno sperone di roccia a 900 metri di altezza, questo edificio religioso è accessibile tramite due sentieri distinti, perfetti anche durante il periodo estivo. Il primo, noto come “Sentiero della Devozione”, parte da Summonte e attraversa un maestoso castagneto prima di arrivare al Santuario. Il secondo sentiero, lungo invece circa 4 km, inizia dal centro abitato e richiede circa 3 ore di cammino per raggiungere la meta. Accanto alla piccola chiesa, all’interno di una grotta, sgorga una fonte che conferisce al luogo la sua fama. Secondo la tradizione popolare, infatti, le acque di questa fonte sono ritenute dotate di proprietà terapeutiche e miracolose, in grado di donare forte benessere e ristoro in queste giornate afose.

Vieni in Irpinia per trovare tregua dal caldo estivo: dalle vette panoramiche dei monti fino ai boschi ombrosi e ai santuari arroccati, ogni angolo offre un’autentica oasi di pace e tranquillità nella quale perdersi e scoprire la nostra amata terra. Accompagnati da uno splendido fresco naturale!